Wend Barka Onlus - Assistenza sanitaria - Ospedale di Nanoro

 L'attività di Wend Barka Onlus in questo settore comprende le seguenti principali macroattività:

- lotta alla malnutrizione;

- attrezzature mediche;

- personale medico;

- acquisto sieri trivalenti.

 

Lotta alla malnutrizione - sostegno al CREN di Boussè

 

Il Burkina Faso è un paese dove molte donne ancora perdono la vita durante la gravidanza o durante il parto; molti bambini non superano il terzo anno di età per complicazioni legate alla malnutrizione e alle malattie endemiche. 

Numerose morti sono ascrivibili all’insufficienza dei servizi sanitari, alla mancanza di strutture di accoglienza nelle vicinanze abitative che obbligano estenuanti spostamenti a piedi (mediamente 50 km andata e ritorno), alla cronica carenza di assistenza alimentare e di vaccini per i bambini da 0 a 5 anni.

Attraverso l’acquisto e la fornitura di latte in polvere, antibiotici, antinfiammatori, cortisonici, integratori, multivitaminici, materiale parafarmaceutico di ogni genere, Wend Barka sostiene da anni il Centro di Recupero e di Educazione alla Nutrizione (CREN) di Boussè e l’annesso Dispensario, per contribuire al miglioramento delle condizioni sanitarie delle popolazioni nel distretto, con particolare attenzione alla salute materno-infantile e alla lotta alla malnutrizione.

Il Centro è dotato di reparto ginecologico e pediatrico, di ambulatorio per le visite specialistiche, di laboratorio, di farmacia e di servizio di infermeria, ed è riconosciuto come unica struttura medico-ospedaliera del territorio.

Nell’ambito delle attività assistenziali per la lotta alla malnutrizione, il personale sanitario del CREN è impegnato nello sviluppo di programmi di educazione nutrizionale compresa la pratica di preparazione di cibi proteici, nella distribuzione del latte in  polvere, nella formazione delle donne sulle  norme di igiene e sulla salute riproduttiva.

Per favorire il processo di avvicinamento alla struttura sanitaria e per ridurre il rischio di morti premature, Wend Barka Onlus supporta le attività di prevenzione e sensibilizzazione attraverso l’organizzazione di incontri informativi periodici rivolti alle donne sui temi dell’igiene, del primo soccorso e della prevenzione da malattie endemiche.

 

Attrezzature mediche

 

Per migliorare l’accesso ai servizi sanitari nei distretti di Boussè e Nanorò, la prevenzione e la cura delle malattie endemiche, ridurre la mortalità materno-infantile mediante il ricorso al monitoraggio delle gravidanze, Wend Barka Onlus promuove progetti per rafforzare le capacità e le potenzialità delle strutture e del personale in ambito sanitario, in particolare per le prestazioni di natura diagnostica. 

I destinatari del progetto sono le popolazioni stanziali e semi nomadi delle province di Boussè e Nanorò, dedite perlopiù ad un’agricoltura di sussistenza e raramente all’allevamento di bestiame di piccola taglia, per le quali la qualità della vita è caratterizzata da estreme condizioni di arretratezza e di bisogno, e le condizioni sanitarie risultano aggravate dall’endemicità di patologie tipiche dei paesi sub-sahariani.

Per perseguire detti obiettivi, l’Associazione è impegnata a supportare l’Ospedale “San Camillo” di Nanorò e il Centro Sanitario di Boussè, nell’acquisto di equipaggiamenti per i laboratori di analisi, la fornitura e l’installazione di arredi, materiali ed attrezzature sanitarie. Le apparecchiature donate negli anni sono: un emogasanalisi, un conta globuli, una lampada scialitica, un coagulo metro, un elettrobisturi, due ecografi e centinaia di arredi per le stanze di degenza e gli ambulatori

 

Personale medico

 

Wend Barka opera nella direzione dell’assistenza sanitaria anche grazie alla consistente rete di volontari medici ortopedici, pediatri, chirurghi Amici dell’Associazione che, secondo necessità, offrono a titolo gratuito la loro professionalità nell’ambito delle missioni annuali attraverso interventi chirurgici o visite specialistiche ai malati. 

 

Acquisto di sieri trivalenti.

 

Stime elaborate da organismi internazionali indicano che ogni anno circa 5,5 milioni di persone vengono morse dai serpenti, più di 125.000 muoiono avvelenate e circa 400.000 rimangono affette da varie forme di disabilità permanente collegate agli effetti del veleno. Nella sola Africa Sub-sahariana sono circa 300.000 le vittime dei morsi da serpente, e i soggetti più esposti sono bambini e ragazzi.

Le difficoltà connesse alla gestione di questa emergenza, risiedono nella scarsa disponibilità delle dosi antiveleno per i loro costi eccessivi (oltre i 150,00 euro cadauno), nella intempestività degli interventi, nella scarsa informazione, nelle complicazioni derivanti dagli effetti del veleno. 

I serpenti che causano più morti tra le comunità rurali dell'Africa occidentale, soprattutto in Senegal, Benin, Burkina-Faso, Camerun, Ghana e Nigeria, appartengono alla famiglia dei viperidi e sono: Bitis arietans; Echis ocellatus; Naja nigricollis (cobra).

 

La diversità dei loro veleni richiede un tipo di siero in grado di essere efficace in tutte le fattispecie di morso, il cosiddetto siero trivalente antiofidico.

Al fine di perseguire gli obiettivi di diritto alla vita fornendo un'adeguata risposta alla dotazione di siero trivalente dell’Ospedale “San Camillo” di Nanorò, Wend Barka Onlus finanzia l’acquisto dei sieri trivalenti secondo le reali esigenza della struttura.

Il monitoraggio del progetto viene garantito attraverso le visite periodiche dei volontari dell’Associazione, che riscontrano in sito l’acquisto effettivo dei sieri, la loro corretta conservazione e l’utilizzo reale effettuato dalla struttura sanitaria.